La leggenda brasiliana Pele vede Miami in grande calcio


fan del sud della florida ricevuta lunedì Un enorme sostegno del leggendario giocatore brasiliano Pele, che ha affermato che c’è un grande futuro per il calcio a Miami e che la presenza di David Beckham è fantastica per lo sviluppo di questo sport nella nostra città.

Il re di calcio ha fatto una visita fulmine a Miami come portavoce per gli orologi Hublot, che sono i controller ufficiali del gioco presso la Coppa del Mondo Brasile 2014 e non esitate a riconoscere il potenziale di Miami.

negli ultimi tempi Miami è diventato un solido centro del calcio internazionale. In questa città, le grandi squadre del mondo sono presentate come Brasile, Spagna, Colombia, Messico, Real Madrid, Barcellona, Juventus e AC Milan; Miami è stato scelto come una delle scale del trofeo della FIFA sulla strada per il Brasile; Beckham probabilmente avrà un MLS Club a Miami nel 2017; E il 1 ° maggio, il lancio del torneo centenario del Copa América si terrà a Bal Harbour, il più antico campionato della squadra di calcio del mondo.

La presentazione del pelé si è tenuta nello studio del Wynwood del Brasile Residente dell’artista a Miami, Romero Britto, che ha progettato le scatole di palla per gli orologi in edizione limitata.

Mentre I Pelé e Romero Britto dipinse alcune palle, qualcuno ha commentato l’entusiasmo traboccante: “Ora Miami ha convertito per il calcio cosa Firenze era per l’arte nel Rinascimento “.

” Cosa sta facendo Beckham è fantastico, “disse Pele. “Aiuterà la promozione del calcio come l’ho fatto con il cosmo.”

Pele ha detto che è molto ben informato sullo sviluppo che ha acquisito il calcio nel sud della Florida. Ha anche commentato che questa espansione è Non solo a Miami ma in tutto il paese.

“Posso tranquillamente affermare che la base del calcio negli Stati Uniti è molto meglio che in Brasile e forse in tutto il Sud America”, ha affermato Pele. “Funziona molto bene con i bambini e i frutti sono stati visti molto bene.”

Nato in tre cuori, Minas Gerais, nel 1940, per molti Pele è il miglior calciatore di tutti i tempi. È l’unico giocatore per vincere tre coppe del mondo (1958, 1962 e 1970). Ha il record di Guinness di Greatest Goals Marcor nella sua carriera con 1.283 in 1.363 partite.

Secondo la leggenda, Pele avrebbe giocato una partita amichevole in Africa con una maglietta di un colore diverso della sua squadra in modo che i fan potessero distinguerlo meglio.

“Non è vero”, ha detto Pele il lunedì. “Ciò che è vero è che nel 1962 la guerra si fermò al Congo per vederci giocare, durante un tour abbiamo fatto con i santi del Brasile per l’Africa.”

Con i santi, Pele ha vinto due volte il Copa Libertadores, il più importante torneo del club dell’America. Pele si ritirò nel 1974, ma ha accettato di giocare di nuovo quando un’offerta importante del cosmo e della sfida di aiutare la diffusione del calcio negli Stati Uniti.

Il suo impatto è stato immediato E quando è stato ritirato nel 1977, questa volta definitivamente, la storia del calcio era cambiata negli Stati Uniti.

Penso che apprezzi il suo contributo in questa missione e dopo il Brasile, Stati Uniti è sempre la sua selezione preferita .

ha dichiarato che la selezione di bar e stelle ha abbastanza possibilità di arrotondamento di una buona performance alla Coppa del Mondo in Brasile.

“Klinsmann è un allenatore molto esperto e saprà come Guidare bene alla selezione, “disse Pele. “Sono felice con questo progresso perché sono parte di lui. Gli Stati Uniti hanno rispettato bene al mondo del mondo sud-sud in tutto il mondo, in Germania del 2006 e del Sud Africa, e può avere buoni risultati in Brasile 2014”.

Pele ha anche parlato del razzismo, dopo lo scandalo causato da Donald sterling, proprietario dei tagliatori NBA e che il brasiliano Dani Alves di Barcellona mangiava una banana lanciata dai piedi da una squadra opposta dilettante.

” Non ho mai avuto problemi con il razzismo “, ha detto Pele. “Al contrario, avevo le porte aperte in tutto il mondo e sono stato accolto in un modo meraviglioso in tutti i luoghi in cui sono andato, ci sono sempre persone pazze che dicono cose, ma non prestare mai attenzione a loro.”

ha anche ricordato che suo padre gli aveva insegnato che gli uomini non dovrebbero piangere. Ma una volta che lo vide piangere ed era il giorno più triste della sua vita.

“Mio padre aveva invitato i suoi amici a Ascolta la radio: quindi non c’è stata la TV – la finale della Coppa del Mondo del 1950 tra il Brasile e l’Uruguay. Avevo nove anni e ho iniziato a giocare fuori casa. All’improvviso ho sentito un profondo silenzio. Sono entrato e per la prima volta ho visto mio padre piangere e mi ha detto solo: “Abbiamo perso la tazza” ‘, ha confessato la pele. “In questa coppa del mondo sono sicuro che il Brasile sarà campione e che mio figlio non sarà vedermi piangereSe piango, sarà gioia per aver vinto la tazza. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *