Leo di Caprio si congratula con il governo dell’Argentina in un video: Perché

Leonardo di Caprio ha sorpreso nel mondo e soprattutto in argentini, pubblicando nel suo Instagram (@leonardodicaprio), dove ha 47,7 milioni di follower, un video sul Parco Nazionale di Iberá, in provincia di Corrientes.

La ragione? Il punto di riferimento storico di Reintegrazione in completa libertà di Yaguareté in una delle più grandi aree naturali dell’Argentina, ha anche considerato la seconda zona umida della superficie nel mondo.

Febbraio Sagas in Netflix : Torna al futuro e al Parco Giurassico, sul podio

Conosciuto per la tua militanza ambientalista, l’attore ha un legame speciale con il nostro paese da quando ha filmato il film El Renacido, perché ha vinto un Oscar – in ushuaia.

Entro la fine del 2018 è stata approvata la creazione del Parco Nazionale di Iberá, la seconda più grande riserva d’acqua dolce sul pianeta e la casa di oltre 4 mila specie di fauna e flora: questo significa che nel suo Quasi 160 mila ettari, è quasi il 30% delle specie riconosciute nel nostro paese.

Dall’inizio del progetto, guidato dal rewilding Argentina, una delle fondamenta ambientali dei filantropisti S Americans Douglas e Kristine Tompkins, il grande obiettivo è stato il reinserimento in totale libertà da una delle specie emblematiche del paese, soprattutto minacciata sulla costa per la caccia illegale, la deforestazione e l’anticipo del bestiame: il yaguareté.

Chi è il milionario che la maggior parte dei terreni donati ai parchi nazionali nel paese

dopo 70 anni senza nuovi esemplari nell’area (ci sono 200 in tutto il paese), due Piccoli cuccioli -Karai e per 4 mesi di vita, insieme a sua madre, Mariua, sono stati rilasciati all’interno del parco, un fatto storico in tutto il mondo.

Che cosa ha fatto di Caprio su Argentina ha detto

nel suo post, di Caprio “fidanzato con Camila Morrone , un modello e attrice Argentina, figlia di Lucila Polak, Expareja da Al Pacino – ha evidenziato: “Dopo un’assenza di 70 anni, i giaguari sono annaffiati liberamente dalle zone umide dell’Iberá in Argentina. Congratulazioni per il governo dell’Argentina, i Parchi Nazionali dell’Argentina, la Provincia di Corrientes, la ribellenza Argentina Foundation e la conservazione del Tompkins per il suo impegno a ricostruire questa specie emblematica e le comunità locali di Iberá e tutti i popoli di correnti che hanno sostenuto questo Sforzo senza precedenti e accogliendo il ritorno del Yaguareté “.

Sostendo la conservazione di Tompkins, anche nei suoi entusiasmanti sforzi di reintroduzione di Yaguareté, durante molti anni. Con la liberazione della femmina di Mariua e dei suoi due cuccioli nati nel centro di reintroduzione di Yaguareté, Karai e Por, Argentina ha preso un passo importante per reinserire questo naturale predatore nel Gran Parco del Gran Iberá, un’area selvaggia protetta e per garantire il futuro di YAGUARETÉ in Argentina, dove la specie è in pericolo critico con meno di 200 copie rimanenti

e conclude anche: “Anche il ritorno dello Yaguareté Sarà ripristinare la completa salute dell’ecosistema a Iberá, proprio come ha fatto il ritorno dei lupi a Yellowstone negli Stati Uniti. L’Argentina adotta questa importante strategia di ricostruzione come strumento per combattere la crisi di estinzione e passare verso un pianeta più sano, selvaggio ed equo. “

La storia del Parco Nazionale del Parco Nazionale Iberá, un caso unico nel paese

PN Iberá è stato donato dalle fondamenta della conservazione Trust Trust (CLT) e della flora e della Fauna Argentina, e aggiunge ai più di 550 mila ettari di estuari e zone umide del contiguo Parco provinciale Iberá. L’iniziativa di donazione è stata guidata da Douglas Tompkins e sua moglie Kristine McDIvitt, fondatori di Clt.

La più grande riserva naturale nel paese è nata: approvato il Iberá National Park

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *