Pica (Italiano)


Qual è la malattia?

è un tipo di disturbo alimentare in cui c’è un desiderio irresistibile di mangiare o leccare sostanze non nutrienti e insolite come terreni, gesso , gesso, ghiaccio, patatine fritte, bicarbonato di sodio, amido, colla, stampo, cenere di sigaretta, carta o tutto ciò che non ha, in apparenza, nessun valore di cibo.

Il bastone è osservato più nei bambini piccoli che negli adulti. Fino a un terzo dei bambini da 1 a 6 anni hanno questi comportamenti. Non è chiaro quanti bambini con PICA consumano terra (geofagia).

Il luccio può anche essere presentato durante la gravidanza. In alcuni casi, la mancanza di determinati sostanze nutritive, come il ferro e lo zinco, possono innescare questo desiderio con veemenzamente insolito. Il luccio può anche essere presentato negli adulti che vogliono sentire una certa consistenza in bocca.

Potrei evitarlo, e cosa dovrei dire a familiari e amici in modo che non ce l’avessero?

Si stima che sia un disturbo del comportamento alimentare, ma la sua causa è sconosciuta, e non possiamo prevedere.

Cosa devo fare ora per migliorarmi?

Vai da un medico, un neuro-pediatra o un psichiatra.

La diagnosi di PCA è stabilita quando i criteri del DSM-IV-TR o ICD-10 sono soddisfatti, durante l’intervento terapeutico di il paziente. Quindi cercano di determinare i fattori eziologici e le possibili complicazioni, mediante antropometria, analisi e valutazione dell’assunzione di ciò che viene mangiato.

Non esiste un singolo modello di trattamento. È essenziale l’azione di un team professionale che studia e tiene conto dei fattori biologici, psicologici e sociali

Qual è la tua prognosi?

Ci sono pochi studi sulle complicazioni del PICA . Le più importanti complicanze chirurgiche sono gli addominali. Il 75% dei pazienti con Pica, hanno bisogno di un intervento chirurgico, il 30% soffre di complicazioni e fino all’11% muore a causa di pike o altre complicanze postoperatorie. Il più frequente è l’ostruzione intestinale, indigestando le sostanze isolate su cavità digestive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *