Retro Patto Vendita secondo il codice civile

Vendita con patto retrò o lettera de Gracia è contemplata Nel codice civile spagnolo, in legge catalana e nella nuova fonte di Navarra.

In questo argomento, il retractive è studiato in base al codice civile.

L’esame della vendita alla lettera di grazia in Catalogna è dettagliata nell’argomento e retratti legali in Catalogna e Retratti convenzionali a Navarra nell’argomento Retratti convenzionali a Navarra

Contenuto
  • 1 concetto e caratteri
  • 2 Requisiti della tua costituzione
    • 2.1 Momento della tua costituzione
    • 2.2 Durata del diritto
  • 3 effetti
  • 4 Esercizio di retractive
    • 4.1 Elemento soggettivo
    • 4.2 Elementi oggettivi
    • 4.3 Effetti retractivi sul bene e sui suoi frutti
  • 5 Nota fiscale
  • 6 Vedi anche
  • 7 Risorse aggiuntive
    • 7.1 in
  • 7.2 Forms in Dottrina

  • 8 Legislazione di base
  • 9 Legislazione citata
  • 10 giurisprudenza e dottrina amministrativa citata
  • concetto e caratteri

    Vendita con patto retrò, anche chiamato una lettera di grazia, è quella in cui, come compatto Lementario, il diritto è stabilito a favore del venditore chiamato retrattile convenzionale. È regolato nell’art. 1507 del codice civile (CC).

    ha, anzi, l’arte. 1507 cc, che si svolgerà il retractive convenzionale quando il venditore si riserva il diritto di recuperare la cosa venduta, con l’obbligo di adempiere a ciò che è espresso nell’art. 1518 cc e il resto che era stato concordato.

    Devi avvertire:

    • che non siamo prima di un vero retractive; Il retractive è il diritto di subrogato nella posizione dell’acquirente quando aliena la cosa; Mentre il proprietario non è alienato, il retractivo non può essere esercitato; Pertanto, ad esempio, sul reclamo di comuniere, non sarà in grado di utilizzare il retractive a Comunero mentre un’altra contea non smaltisce la cosa o il retractive di adiacente fino a quando la fattoria di superficie è asserita al di sotto di un ettaro; Cioè, purché non vi sia alienazione non può la comunità o l’adiacente, o l’inquilino nei retromardi di ristrutturazione subrogato in qualsiasi posizione.

    Invece, nel cosiddetto ritrattante convenzionale, chi venduto è colui che deciderà se non vuole o meno la cosa, essendo l’esercizio di questo diritto per risolvere il modo Vendita, come se la cosa non avrebbe mai venduto e l’acquirente non avrebbe mai acquisito, quindi decaderanno quante oneri l’acquirente ha imposto la cosa.

    • che il precetto sopra menzionato non contiene correttamente una definizione del retractive convenzionale; L’arte dice. 1507 cc che il retractive avrà luogo, ma in atto non deve definire qual è il retractive ma la sua conseguenza in caso di esercizio della legge; Correttamente il retractive è il diritto di riscrivere la cosa venduta, e naturalmente affinché questo diritto esista abbia bisogno che il Venditore abbia imposto alla vendita di questa condizione, che partecipa alla natura delle condizioni di risolutorio, con effetti contro terzi se di proprietà immobiliari sarà trattato ed è costituito dal record della proprietà.

    • che il retratto convenzionale partecipa alla natura di un vero diritto, opponibile a terzi, ed è incorniciato nei cosiddetti diritti di approvvigionamento reali; Questi potrebbero essere configurati come diritti personali (se vuoi che fossi obbligato a rivenderti la cosa che hai venduto a me, in modo che la violazione dell’obbligo porterebbe solo alla corrispondente compensazione dei danni) o può essere configurata come un vero vero diritto Durante la cosa, qual è questo caso.
    • che il diritto retractive convenzionale è trasmissibile, da qualsiasi titolo Inter Vos o Mortis Cause, su un titolo oneroso o gratuito.
    • Questa è una legge sui mutui (articolo 107,8 del diritto dei mutui) (LH)).
    • Dal punto di vista economico offre un certo gioco in cui le cose vendute possono variare un sacco di valore; Il venditore eserciterà il suo diritto se nell’esercizio del valore della cosa è superiore a che è stato pagato nel suo giorno (pensa ai mobili); Nel caso di immobili, la vendita sarà normalmente per un prezzo inferiore rispetto al mercato, data la possibile risoluzione successiva.
    • A volte questa alleanza può davvero coprire un prestito; sottolinea la risoluzione del DGRN del 5 giugno 1991:
    In pratica, il patto retrò, è tentato di utilizzare per ottenere denaro , e per riservare l’alienatore e il venditore la capacità di reintegrare in buona restituzione del prezzo ricevuto e rimane l’alienatore costretto a restituire l’importo dato, in modo che se l’obbligo non sia adempiato volontariamente il prestatore può optare tra la tua conformità forzata o te Sicuramente farò la proprietà del bene. Ma in questa seconda ipotesi non c’è vendita con patto retrò, perché non c’è il prezzo poiché l’alienatorio è costretto a restituire quanto riceve, ed è semplicemente un vestito della cosiddetta “vendita”. Nel primo, d’altra parte, se c’è una vera vendita e non vi è alcun prestito tecnicamente o, di conseguenza, garanzia, sebbene, ai fini della legge dell’usurazione, può essere sostanzialmente equivalenti operazioni.

    Riepiloga i requisiti della True Vendita con Patto retrò, sentenza n. 961/2002 del 23 ottobre 2002 per appuntamento delle frasi precedenti, dicendo:

    Secondo la giurisprudenza, consiste in un accordo con cui la persona che ha alienato il dominio di una cosa sotto un contratto di vendita, si riserva il diritto di recuperarlo di restituire la somma ricevuta e il Le spese consegnate; È in definitiva un patto di ritorno stipulato con il carattere della condizione povestative. Queste sono note caratteristiche: a), che il suo esercizio dipende dalla semplice disponibilità del Venditore, alla sua iniziativa unilaterale, in modo che tale requisito non sia concordato nelle ipotesi di condizione di risoluzione espressa; b), che consiste in un diritto di ritrarre o recuperare, non acquisire di nuovo; c), che il diritto è esercitato durante il periodo contrattuale o legale, poiché in un altro caso la fidanzata del ritrattamento convenzionale è irrevocabilmente prodotta irrevocabilmente, il dominio della cosa venduta dalla scadenza del diritto di recuperarlo; e, d), soddisfazione dei benefici artistici. 1518, cc.

    Requisiti dal momento del tuo momento di Costituzione della sua Costituzione

    Il retratto convenzionale deve essere stabilito al momento della vendita. Realizzato già una vendita senza questa alleanza, l’acquirente sarà in grado di tornare a venderlo a chi ha venduto se desiderava o concesse un diritto di acquisizione preferibilmente in un doppio modo: costituisce un diritto di acquisto, che ha un altro regolamento (vedi Opzione di acquisto: requisiti ed effetti) o concedere un diritto volontario retractive, affinché il proprietario desidera alienare la cosa, può ai suoi giorni è stato un venditore per acquisirlo nelle stesse condizioni concordate con il futuro acquirente: Vedi la costituzione di un diritto di acquisizione preferibilmente in una legge comune nella legge comune

    come deve vedere, sono cose diverse. È insistita che il retratto convenzionale deve essere stabilito già in vendita.

    IMPORTANTE: il retributivo convenzionale non può essere utilizzato se nasconde un Commissario, vietato dall’articolo 1859 del codice civile; AS GUIDGGIO N. 34/2012 Dice TS, Camera 1, Civile, 27 gennaio 2012, un caso tipico, anche storicamente, è il cosiddetto “Vendita a Letra de Gracia”: è una vendita simulata (che maschera il prestito ) Dove una persona (il presunto venditore, in realtà il mutuatario) vende la cosa all’acquirente (davvero, il prestatore) con il patto retrò: se il retractive non è esercitato nel periodo concordato (in realtà, non restituisce i soldi, che Era fissato come un prezzo), l’acquirente (prestatore; spesso usuratore) acquisisce la proprietà della cosa. Qual è il classico commissario Alleanza: il prestatore, che appare come un acquirente, acquisisce la cosa se non è restituita, attraverso il retractive, l’importo dato. Un tale patto commissoriale è nullo. È ribadito e dettagliato nella STS 77/2020, 4 febbraio 2020.

    Durata di destra

    A seguito dell’art. 1508 cc, possono verificarsi due casi:

    • che è stato concordato una scadenza, nel qual caso non può superare i dieci anni …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *